per tornare indietro



Proverbi

Aria da filadüra (spiffero), aria da sépultüra. Ufelée, fa ‘l to mistée (Pasticcere fa il tuo mestiere; equivalente a «sutor ne ultra crepidam»). Quànd ul Mutarùn u ga sü ul capél, o cu piòv o cu fa bèl (Quando vi sono nuvole sul Mottarone o piove oppure il tempo volgerà al bello). E mi vo pal mè sentée, chi ca trovi 'gh pèsti i pée (Vado per la mia strada e a chi incontro pesto i piedi). Quand u trùna in Val Cüléra, témpèsta mèrda (trùna = tuona). Chi u lég mia la so scritüra, l’è 'n àsan da natüra (Chi non riconosce la propria calligrafia è un vero asino). Parént serpént, cügnà malnà, fradéi curtéi, cüsìt sasìt (Parenti serpenti, cognati malnati, fratelli coltelli, cugini assassini). Fin al dì da san Vitur ul paltò s' pòrta cun unur (Fino all' otto maggio, festa patronale di Intra, è ancora consigliabile indossare il cappotto). A la Madòna da la Zériòla da l'invèrn a sèm fora (Nella festa della Candelora - 2 febbraio - termina l'inverno). Vàrdal bèn, vàrdal tüt / L'um sénza dané tàme l' è brüt (Osservalo bene, osservalo tutto / L'  uomo senza soldi quanto è brutto). La tròpa cunfidénza la fa pèrd la rivérénza (Troppa confidenza fa perdere il rispetto). Ul ris u nas in l' acqua e u mör in del vin (Il riso nasce nell'acqua  muore nel vino). Ul vin l'è ul lac di véc (Il vino è il latte dei vecchi). Purscél pulìt végn mia gras (Il maiale pulito non ingrassa) - si giustificava un ragazzino nemico del sapone.