per tornare indietro



Paragoni

In tàme ul dom da Milàn (Sono come il duomo di Milano) - erano definiti lavori iniziati e mai terminati. L’è négar tàme un scurbàt  (E' nero come un corvo). L'è màr 'mé 'n tòsich (E' amaro come un veleno). La so cà la par un stabiél dai purscéi (La sua abitazione sembra uno stabbio di maiali). L'è dür 'mè 'n sas (Testardo, letter. «duro come un sasso»); L'è frèc 'me 'n bis (E' freddo come una biscia); Sum strach 'mè 'n àsan (Sono stanco come un asino). L’è salà 'me 'na brìsa (è salato come un fritto di frattaglie). U par la réclàm dal lüstar Brill (Sembra la pubblicità del lucido Brill) - si diceva di una persona malmessa, alludendo all’ometto sbilenco della pubblicità di una crema per calzature. La ga i öc da pèvra mòrta (Ha lo sguardo spento; letter. «occhi di pecora morta»). Sum invèrs tàme na pìdria (Ho la luna per traverso; letter. «mi sento come un imbuto capovolto»). L'è lungh 'me 'na pùbia (E' alto come un pioppo). L'è lungh 'me la fam (E' lento; letter. «lungo come la fame»); Ti sée dür 'me n'cruàt (Sei testardo come un croato). Sta bistèca l'è düra 'me na sciavata (Questa bistecca è dura come una ciabatta); Cinch ghèi da pü ma rus cu spìca (Spendo qualcosa in più ma faccio bella figura; letter. «cinque centesimi in più ma rosso fiammante»). Ti ghée i fastìdi gras (Le tue preoccupazioni sono infondate). L’è mèz in gésa (Ha un piede nella fossa; letter. «è mezzo in chiesa»). Pètürìna da merlüz (Grembiulino di merluzzo) - era una donna dal petto piatto. L'è màgar 'mè 'n pich (E' magro come una picca). L’è svèlt tàme un saltamartìn (E' vivace come una cavalletta). La ga 'l cèrvèl da 'na pigòta (Ha il cervello di una bambola). L'è sturn 'mè 'na tàpa (E' sordo come un pezzo di legno). L’è svèlt 'mé ‘n liché (E' veloce come un lacché). L’è smort 'mè ’n pèt (E' pallido come un peto). Vusàa 'mè 'n strascée (Urlare come uno straccivendolo).


inizio pagina