per tornare indietro



Frammenti di filastrocche e canzoncine

Quand u piòv gùtan i tèc (Quando piove i tetti gocciolano) / Làpis mùch fa spagàsc (Matita spuntata produce scarabocchi) / Intérlìken, intérlàken / [Si omette il seguito perché troppo volgare]. «Ti che ti tàcat i tach, tàcum i tach a mi». «Mi tacàt i tach a ti?». «Tàcatai ti i tò tach» (Tu che attacchi i tacchi, attaccami i tacchi. Io attaccarti i tacchi? Attaccateli tu i tuoi tacchi). Sgüra la tàza / Sgürala ti / Ciàpa un pügn e va via da mi! (Lucida il mestolo / No, fallo tu / Prendi un pugno e vattene!). L'è insì cu viv un italiàn / Un èto e mèz da pan (Così campa un italiano, con 1,5 hg di pane al giorno) - si cantava durante la seconda guerra mondiale sul motivo dell' inno dei sommergibilisti. Napoleone faceva l’oste / E Manuèl ul camérér (Vittorio Emanuele II il cameriere) / E la regina da l’Inghiltèra / Lée la lavàva tüc i bicér (tutti i bicchieri). E lé la va ’n cantìna / A cavà (spillare) ‘l vin / Pal so bèl muretìn / [Fin qui tutto bene, poi si cade nel surreale] / Oh morettino mio morirai / Sùta i rod dal tramway (travolto dalle ruote del tram). No no, mi a végn mia sü / Mi go pagüra da burlà giü (Non salgo, temo di cadere). Végn chi Ninèta sùta l’umbrelìn / Végn chi Ninèta ta darò 'n basìn (Vieni Ninetta sotto l'ombrellino, ti darò un bacio). San Stévan l’è nöst e vöst ma San Léunàrd l’è tüt nöst! - usavano dire i pallanzesi, a proposito della chiesa di Santo Stefano in Pallanza, dipendente un tempo dalla parrocchia di Intra. Man mòrta, pìca la pòrta, pìca l' üs man müs (Mano morta, bussa alla porta, bussa all'uscio mano moscia). U fài na figüra da ciculatée (cioccolataio) - si diceva dopo aver commesso una gaffe. Un'antica filastrocca «lacustre» è stata ripresa da Renato Pozzetto in un film: Uno due tre, la Pèpìna la fa 'l cafè / La fa 'l cafè cun la ciculàta / La Pèpìna l'è mèza màta. Un antico rito di giuramento tra bambini era: Giürìn giürèsa, lìbar da mèsa, lìbar di fra, mi fo mia pecà (Giuro sul Vengelo e sul messale dei frati, non commetto peccato). Ul Gabùch / Quand l'è ciùch / U va in piàza a catàa i luch / E mi 'l méni a San Vitùr / A vighée quanc in i ur (Quando il Gabucchi è ubriaco va a pescare i lucci sul lungolago; lo accompagno davanti all 'orologio del campanile di S. Vittore).

inizio pagina