per tornare indietro



Convenevoli più o meno amichevoli

Sta sü alégar! (Auguri di ogni bene!). Giü i man dal nìchél! (Non si tocca! letter. «giù le mani dal nichelio»). Scarlìga, merlüz! (Non disturbare; letter. «scivola via, merluzzo!»). Ma va a Mumbèl! (Mombello era la sede del manicomio di Milano). Ma va a Bàg a sunàa l'òrgan! (A Baggio, MI, esiste una chiesa il cui organo è dipinto sul muro). Ma va a la bagìna! (sempre a Baggio, in cui ha sede il Pio Albergo Trivulzio). Ma va a Biagràs a fàa i stèch! (Va ad Abbiategrasso a fabbricare stuzzicadenti!). Ma va a ciapàa i rat! (Va a catturare i topi!). Ti, pàrla quànd i pìsan i och (Tu puoi parlare quando urinano le oche). Pàrla pulìt, purscél vàca! (Non dire parolacce, porca vacca!) - così una comare rimproverava il figlio. Màngia piàn! (Mangia lentamente!). Màngia e tàs! (Mangia e taci!). Biàsa bèn ul mangiàa prima da mandàl giü (Mastica a lungo il cibo prima di inghiottirlo). Un' attenzione particolare merita l'esortazione rivolta a tavola dai genitori ai figli: Fa cumpisìna! (mangia «a miccino» cioè accompagnando con molto pane piccoli bocconi di pietanza, il che la dice lunga sul buon tempo antico.