per tornare indietro



Animali e vegetali

Sono parecchi i nomi di animali e vegetali diversi dai nomi italiani.

Esempi di animali: ànidra (non è una sostanza priva di acqua ma anatra); ànidra sèlvàdiga (germano reale); asnìn o burìch (dal francese bourrique) o burìn (asino); av o ava (ape); bérìn (agnello); bigàta (bruco, baco da seta); (bue); buscìn (vitello); cruch (chioccia); dìndo (tacchino, dal francese dindon); lèvra (lepre); pülas (pulce); pulasìn (pulcino); ratascìn (pipistrello); rusignö (usignolo, dal francese rossignol); sciàt (rospo); scìmas (cimice); sciüèta o sciüìp (civetta); scurbàt (corvo); sgaravàsc (scarafaggio); sgarìn (gabbiano di lago, da sgarìi, strillare); tavàn (tafano); ténca (tinca); tüìst (cavia); vèrman (verme); vèrman sulitàri (tenia); viscàrda (tordo cesena).

Esempi di vegetali: articiòch (carciofo, dal francese artichaut; il cuore del carciofo era detto ul pusée bun di articiòch, cioè la parte migliore del carciofo); biàva (avena; lo squisito pan biàva della panetteria Carones era noto a Intra e nei paesi di montagna); biédéràva (barbabietola, dal francese betterave), bügnàga o mügnàga (albicocca); curnà (bacche del corniolo); èrbabùna (semi di finocchio); èrbarüga (ruchetta); èrbasàvia (salvia); èrbèta (bietola); èrburìn (prezzemolo); fàmbros (lampone, dal francese framboise); furmént (frumento); furméntùn, o mèlgùn (mais); magiùstra (fragola); ingüria (cocomero); pùma (mela); pùma granàda (melagrana); rava (rapa); régulìzia (liquirizia, dal francese réglisse); rémulaz (rafano); rémulazìn (ravanello); réobàrbar (rabarbaro); scigùla (cipolla); scirésa (ciliegia); scìsar (cece); spagnulèta (arachide); sparc o sparg (asparago); spatasciö (cicoria selvatica); trìfula (tartufo); tumàtisa (pomodoro; dal francese tomate); üga (uva); uriùn (mirtillo); urtìga (ortica); zacarèla (mandorla); zèlar (sedano).


inizio pagina